Perché i cibi piccanti possono causare il naso

Perché i cibi piccanti possono causare il naso

Oggi ho scoperto perché i cibi piccanti possono far funzionare il naso.

Nella maggior parte dei cibi piccanti, questo è dovuto alle stesse sostanze chimiche che causano la sensazione di bruciore sulla lingua, vale a dire la capsaicina o l'isotiocianato di allile. La capsaicina è una sostanza chimica presente nei frutti del genere Capsicum, che comprende peperoni. È presente, di solito in quantità relativamente elevate, nel tessuto placentare che contiene i semi dei peperoni, nonché in concentrazioni inferiori in altre parti del frutto.

La capsaicina funziona come deterrente per fermare vari animali, in particolare i mammiferi che potrebbero sgranocchiare i semi, mangiando i frutti o danneggiando altrimenti le piante oi semi. Funziona anche come un agente anti-fungine, che protegge ulteriormente le piante.

L'isotiocianato di allile, d'altra parte, è un olio incolore che può essere trovato in cose come senape, ravanelli e wasabi. Come la capsaicina, serve come difesa per la pianta contro vari animali, oltre a funzionare come agente anti-fungine.

Queste sostanze chimiche finiscono non solo a provocare una sensazione "calda" sulla lingua, ma anche a irritare le mucose del naso, facendole infiammare. Questo innesca quelle membrane per produrre quantità extra di muco come meccanismo di difesa per cercare di tenere fuori qualsiasi sostanza indesiderata o particelle che causano l'irritazione.

Questo stesso tipo di irritazione è il motivo per cui i tuoi occhi possono anche diventare acquosi quando mangi cibi molto piccanti. La capsaicina o l'isotiocianato di allile possono irritare le membrane dei tuoi occhi, causando il passaggio dei dotti lacrimali in overdrive cercando di lavare via l'irritante. Questo può rendere il naso ancora più gocciolante mentre alcune delle lacrime scorrono nei seni nasali.

La capsaicina e l'isotiocianato di allile irritano anche vari tessuti all'interno del corpo, come l'intestino. Questo fa sì che il tuo corpo reagisca cercando di scovare l'irritante. Questo è il motivo per cui dopo aver mangiato cibi piccanti a volte hai la temuta cacca "a fuoco liquido".

Fatti del bonus:

  • Questo effetto "naso che cola" può essere usato a tuo vantaggio quando sei congestionato nasalmente. A quei tempi, mangia alcuni cibi molto speziati e i tuoi seni nasali spariranno in pochissimo tempo.
  • La capsaicina ha anche l'effetto di dilatare i vasi sanguigni. Ciò può comportare il rischio che le persone si svuotino mangiando cibi molto piccanti.
  • Gli uccelli non hanno i recettori necessari che si legano alla capsaicina causando l'effetto di combustione. Di conseguenza, possono mangiare i semi di pepe senza effetti negativi. Questi semi poi passano attraverso il loro sistema e alla fine vengono spompati, il che alla fine dà un buon ambiente affinché il seme possa germogliare ovunque sia cacato.
  • La capsaicina è liposolubile e, quindi, l'acqua non serve a contrastare la sensazione di bruciore, a parte il fatto che se si tratta di acqua fredda, temporaneamente sopraffarà l'effetto della capsaicina sui recettori nervosi e dirà al tuo cervello che ti senti freddo sensazione. Ma una volta che l'acqua fredda è andata, il calore tornerà subito.
  • I prodotti lattiero-caseari funzionano meglio per contrastare la capsaicina perché contengono una proteina chiamata caseina che si lega alla capsaicina, ostacolando la sua capacità di legarsi ai recettori nervosi, che aiuta a spostarlo attraverso il sistema più velocemente e senza che ciò influisca sul corpo.
  • Una soluzione di acqua zuccherina fredda è quasi altrettanto efficace di bere latte freddo in termini di ostacolare la capsaicina dal legame con i recettori VR1, e quindi di mutare la sensazione di bruciore. Questo funziona grazie a una reazione chimica tra la capsaicina e lo zucchero da tavola.
  • Il veleno di tarantula attiva le stesse vie neuronali della capsaicina, quindi farsi mordere da una tarantola sembrerà molto simile all'esposizione a livelli molto alti di capsaicina.
  • Quantità abbondanti di capsaicina possono causare la colorazione blu della pelle, inibire gravemente la respirazione, causare convulsioni e la possibile morte. Tuttavia, la quantità minima di capsaicina nei peperoni rende improbabile che tu sia mai venuto in contatto con abbastanza di questo per far sì che ciò accada realmente, a meno che qualcuno non abbia spruzzato spray al peperoncino per le forze dell'ordine direttamente in gola o simili.
  • La capsaicina era originariamente chiamata "capsicina", chiamata da Christian Friedrich Bucholz che fu la prima persona ad estrarla in una forma impura dalle piante del genere Capsicum. Successivamente fu rinominato in capsaicina da John Clough Thresh che fu la prima persona a isolare con successo la capsaicina in forma quasi pura.

Lascia Il Tuo Commento