Cosa R.S.V.P. Sta per

Cosa R.S.V.P. Sta per

Oggi ho scoperto cosa R.S.V.P. sta per, vale a dire Répondez S'il Vous Plaît, che si traduce approssimativamente come "per favore rispondi" o "rispondi se ti piace".

Quindi, come ha fatto R.S.V.P. farsi strada per essere utilizzato per gli inviti di nozze e simili? Questo risale al 11 ° secolo quando il francese divenne la moda tra l'élite della corte inglese. Ciò è continuato in Inghilterra per diverse centinaia di anni. Era anche la moda negli Stati Uniti, nell'alta società, usare il francese come lingua della raffinatezza fino al XIX secolo. Da questo, molte frasi e parole francesi simili a tema si sono fatte strada in inglese, un altro esempio è la parola "etichetta" stessa.

Ironia della sorte, gli stessi francesi di solito non usano R.S.V.P. più, più in genere utilizzando Prière de Répondre questi giorni.

Fatti del bonus:

  • Una nuova tendenza che investe il mondo dell'invito è non chiedere un R.S.V.P., ma piuttosto mettere un "Solo rimpianti", quindi l'inviterà si aspetta che tu risponda alla casella "Regrets Only". Se non rispondi, loro presumono che tu stia arrivando.
  • La scelta di utilizzare periodi che seguono le lettere in "R.S.V.P." è in qualche modo una preferenza personale oggi, nonostante sia un'abbreviazione. Molte guide dicono che i periodi sono necessari perché è un'abbreviazione, come AP; altri dicono che non dovresti usarli; e altri ancora dicono che è una preferenza personale. Per attenuare ulteriormente il problema, alcuni, come il Manuale di stile di Chicago, raccomandano di usare solo i periodi se le lettere sono stampate in lettere minuscole, altrimenti non ci sono periodi.
  • Il galateo è apparso per la prima volta in inglese intorno al XVIII secolo. Deriva dal vecchio francese: l'etichetta, che significa qualcosa per l'effetto di "etichetta o biglietto". L'Estiquette deriva a sua volta dal vecchio francese: estechier, che significa "attaccare o attaccare". Si pensa che la parola "galateo" sia avvenuta grazie al re Luigi XIV (Luigi il Grande), il quale aveva le étiquettes svenute nel suo palazzo di Versailles. Queste étiquettes erano fondamentalmente solo piccole carte con vari promemoria scritti su di loro come "Ne marchez pas sur l'herbe" (tenersi lontani dall'erba) e altre regole di comportamento a palazzo.
  • Il famigerato "Let them eat cake" che spesso viene attribuito erroneamente a Maria Antonietta, in realtà faceva riferimento a qualcosa che la moglie di Luigi XIV, Maria-Thérèse, disse, circa 100 anni prima della nascita di Maria Antonietta. Il vero detto "lascia che mangiano la torta" (Qu'ils mangent de la brioche) è stato documentato per la prima volta dal filosofo politico Jean-Jacques Rousseau nella sua autobiografia "Confessions". A quel tempo, Maria Antonietta aveva solo 10 anni e viveva in Austria. In questa autobiografia, faceva riferimento a una "grande principessa" che, quando disse che i contadini non avevano pane, disse "Bene, lascia che mangiano brioche". (La brioche è un pane molto arricchito). Per saperne di più su questo e sul molto triste storia che è stata la vita di Maria Antonietta. Vai qui: Maria Antonietta non ha mai detto "Fatti mangiare la torta"
  • Luigi XIV aveva la reputazione di essere una persona estremamente puzzolente. Come un ambasciatore russo in Francia notò "Sua Maestà [Luigi XIV] puzzava come un animale selvatico". Il puzzo di re Luigi XIV derivava dal fatto che i suoi medici gli consigliavano di fare il bagno il meno frequentemente possibile per mantenere una buona salute. Ha anche dichiarato di aver trovato l'atto di fare il bagno disturbando. Per questo motivo, si dice che abbia fatto il bagno solo due volte nella sua vita. Se sei interessato a scoprire perché il bagno è diventato così impopolare in alcune parti dell'Europa medievale, leggi questo articolo: Perché il bagno era raro nell'Europa medievale
  • Un altro in questa "raccapricciante due-alcuni" classe tra l'aristocrazia era la regina Isabella I di Spagna che una volta ha confessato che aveva fatto il bagno solo due volte nella sua vita, quando era nata e quando si è sposata.

Lascia Il Tuo Commento