Perché le vitamine sono etichettate A, B (e tutte le sub B's), C, Etc.?

Perché le vitamine sono etichettate A, B (e tutte le sub B's), C, Etc.?

Facilmente identificabili con termini semplici, le vitamine che riconosciamo oggi sono state isolate, identificate e nominate solo di recente.

Radici di vitamine

Gli scienziati che studiano perché gli animali non sono riusciti a prosperare (malattie da carenza) sono stati i primi a scoprire le vitamine. Uno di questi primi ricercatori, Cornelius Adrianus Pekelharing, nel 1905 affermò che il latte aveva "una sostanza non riconosciuta. . . in quantità molto piccole [che] erano necessarie per la normale crescita e manutenzione. "

Nel 1912, mentre studiava il riso, Casimir Funk isolò un "fattore" organico, che descrisse come ammina (come un amminoacido). Perché era vitale per la vita, ha combinato le due parole per coniare il termine vitamine.

L'idea di usare il sistema di lettere ormai familiare può essere fatta risalire a Cornelia Kennedy che, nella sua tesi di laurea nel 1916, fu la prima a "usare" A "e" B "per designare i nuovi elementi essenziali della dieta." Nel tempo, altri , incluso il mentore di Kennedy Elmer McCollum (accreditato di aver scoperto la vitamina A), iniziò erroneamente citando i primi lavori di McCollum come fonte originale per la nomenclatura.

All'inizio, oltre alle lettere dell'alfabeto, il vitamine sono stati anche identificati come liposolubili o solubili in acqua (ad es. "solubile in grassi A e solubile in acqua B"). Nel 1920, Jack Cecil Drummond suggerito di abbandonare la "e" da vitamine distinguere le vitamine da ammine e scartando l'aggettivo "solubile":

Si raccomanda che la nomenclatura un po 'cumbriosa. . . essere lasciato cadere, e che le sostanze siano dette Vitamina A, B, C, ecc. . .

Denominazione di diverse vitamine

Le prime cinque vitamine scoperte, tra il 1910 e il 1920, furono denominate A, B, C, D ed E. In modo interessante, D era stato inizialmente ammassato insieme ad A fino a quando non si scoprì in seguito che "erano coinvolti due fattori separati".

Quando una seconda proprietà simile alla vitamina originariamente chiamata B (tiamina) fu scoperta nel 1920, entrambe furono rinominate in B1 (tiamina) e B2 (riboflavina). Le restanti vitamine del gruppo B sono state raggruppate sotto la denominazione "complesso B" a causa di:

Somiglianze sciolte nelle loro proprietà, nella loro distribuzione nelle fonti naturali e nelle loro funzioni fisiologiche, che si sovrappongono considerevolmente. . . .

Questi B non sono necessariamente indicati in ordine cronologico, come B12 (Cobalamins) è stato scoperto nel 1926, B5 (acido pantotenico) e B7 (Biotina) nel 1931, B6 (Piridossina) nel 1934, B3 (Niacina) nel 1936 e B9 (Folic acido) nel 1941. I B mancanti sono sostanze originariamente pensate come vitamine, ma successivamente riclassificate.

Le vitamine di oggi salgono da E a K perché, come molti dei Bs, le sostanze che una volta erano ritenute vitamine venivano riclassificate. Ad esempio, la vitamina F è oggi conosciuta come gli acidi grassi essenziali (omega 3 e 6). Allo stesso modo, la vitamina G è stata riclassificata come B2 (riboflavina) e la vitamina H ora è biotina.

Fatti bonus

  • Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS), "la carenza di vitamina A (VAD) è la principale causa di cecità prevenibile nei bambini". Infatti, l'OMS stima che 250 milioni di bambini e un numero sconosciuto ma consistente di donne in gravidanza vitamina A carente in tutto il mondo.
  • Negli ultimi 30 anni negli Stati Uniti, le fratture dell'avambraccio nei ragazzi sono aumentate di oltre il 32%, e nelle ragazze, oltre il 50%, e i ricercatori "sospettano che una delle ragioni principali è che i bambini non assumono abbastanza calcio, il che è essenziale per le ossa forti . "Secondo il recente rapporto, oltre il 60% degli adolescenti, e 80% di ragazze adolescenti sono carenti di calcio.
  • Sorprendentemente, nonostante gli alimenti fortificati come il latte, molti negli Stati Uniti (nel 2009, il 75% degli adolescenti e degli adulti americani) sono carenti di vitamina D che è preoccupante perché: "La mancanza di vitamina D è legata al rachitismo (ossa molli e deboli) nei bambini e alle ossa diradate negli anziani, ma gli scienziati ritengono che possa giocare un ruolo nelle malattie cardiache, nel diabete e nel cancro ... "
  • La carenza di ferro, che spesso provoca anemia, è anche un problema di salute globale. L'OMS stima che: "2 miliardi di persone - oltre il 30% della popolazione mondiale - sono anemiche, molte a causa della carenza di ferro".
  • In una recente indagine su 1.000 adulti americani, è stato riscontrato che il 64% assumeva una vitamina o un integratore; degli intervistati, il 78% pensa che le vitamine migliorino le prestazioni, sia sul lavoro che atleticamente.
  • Le vendite di integratori alimentari, comprese le vitamine, sono un grande business in America. Secondo il Wall Street Journal, le vendite hanno totalizzato "quasi $ 23 miliardi negli Stati Uniti l'anno scorso".

Lascia Il Tuo Commento