Questo giorno nella storia: 12 agosto: un artista, un mistico e un pazzo

Questo giorno nella storia: 12 agosto: un artista, un mistico e un pazzo

Questo giorno nella storia: 12 agosto 1827

"Devo chiamarlo artista o genio - o mistico - o pazzo? Probabilmente è tutto "- Henry Crabb Robinson

Una delle figure più influenti emerse durante l'età romantica, o di qualsiasi età, fu William Blake. Poeta, Printmaker, Painter, Mystic e Maverick, Blake è stata una musa per innumerevoli artisti, scrittori, musicisti e pensatori originali dalla sua morte, avvenuta il 12 agosto 1827.

William Blake nacque a Londra il 28 novembre 1757. Aveva pochissima istruzione formale, ricevendo la maggior parte della sua istruzione a casa da sua madre.

I suoi genitori sostenevano i suoi talenti artistici e mandarono William di dieci anni a disegnare la scuola. Quattro anni dopo, fu apprendista presso un incisore. Il suo capo è stato l'incisore della London Society of Antiquaries. Uno dei doveri di Blake era di disegnare i monumenti e le tombe nell'Abbazia di Westminster.

Questo compito suscitò l'interesse del giovane William per l'arte gotica che divenne un amore per tutta la vita. Rifuggiva anche le correnti letterarie contemporanee a favore delle antiche ballate e opere degli scrittori dell'era elisabettiana, come Spenser e Shakespeare.

All'età di 21 anni nel 1779, Blake iniziò la sua carriera come incisore operaio, la vocazione che mise il cibo sul suo tavolo mentre perseguiva gli altri suoi interessi artistici per piacere. Ha iniziato a dipingere alla Royal Academy of Art's Schools of Design lo stesso anno, e ha dato la sua prima mostra alla successiva.

Nell'agosto del 1782, sposò Catherine Sophia Boucher, la sua "dolce ombra di gioia". Catherine era analfabeta in quel momento, quindi suo marito le insegnò a leggere e scrivere, così come il suo mestiere di incisore. Divenne l'assistente indispensabile di Blake e il fan numero uno fino al giorno in cui morì.

L'anno seguente, Blake pubblicò una raccolta di poesie che aveva scritto nei precedenti 14 anni Schizzi poetici. Nel 1787, affrontò un trauma personale che alterò la vita quando suo fratello Robert, 24 anni, morì di tubercolosi. Sebbene devastato dalla perdita, Blake sostenne che al momento della morte di suo fratello, assistette allo spirito di Robert che lasciava il suo corpo mortale. "Nell'ultimo momento solenne, gli occhi visionari hanno visto lo spirito liberato salire nel cielo attraverso il soffitto di fatto, 'battendo le mani per la gioia'". Questa era solo una delle tante visioni che Blake sosteneva di aver avuto durante tutto il suo tutta la vita.

Oltre ad affermare di aver spesso conversato con lo spirito di suo fratello, ha accreditato lo spirito ispirandolo a inventare un nuovo metodo di incisione all'acqua che gli ha permesso di controllare ogni aspetto della sua arte. Sentiva che la parola stampata era inadeguata per creare l'effetto che desiderava e che le illustrazioni erano necessarie per portare la sua poesia al livello successivo. Ha pubblicato il suo primo libro illuminato, Songs of Innocence, nel 1788.

Il lavoro di Blake fu chiaramente influenzato dalla storia, ma fu fortemente commosso dai tempi rivoluzionari in cui visse. Era un uomo di grande fede (anche se più mistico che tradizionale) ma disprezzava l'idea della religione organizzata. Le sue opinioni politiche erano radicali. L'ipocrita decadenza della classe dominante contro l'opprimente povertà di cui era testimone ogni giorno lo colpì profondamente (e lo fece quasi condannare per tradimento nel 1803) e si riversò nella sua arte.

Nel 1804, Blake iniziò a lavorare sul suo poema epico Gerusalemme (1804-1820), la sua impresa più ambiziosa. Ha iniziato a mostrare più della sua arte in mostre, tra cui "Satan Calling Up His Legions" e "Chaucer's Canterbury Pilgrims". Nessuno sembrava apprezzare il suo lavoro, e l'unica recensione pubblicata era eccessivamente dura, definendo l'opera di Blake "assurdità, incomprensibilità e egregia vanità" e Blake stesso "uno sfortunato pazzo".

Blake ha preso male le critiche e ha smesso di mostrare pubblicamente il suo lavoro. Dal 1808 al 1818 rimase a terra, sprofondando nella depressione e nella povertà. Nel 1819, le cose iniziarono a migliorare quando iniziò a disegnare una serie di figure per lo più storiche che, a suo dire, gli andavano incontro in visione e posava per lui.

Rimase impegnato, disegnando un illustrato Libro di lavoro e Dante Inferno. Blake stava lavorando ad illustrazioni ad acquerello per Bunyan Pilgrim's Progress e un manoscritto miniato per il Libro della Genesi quando morì il 12 agosto 1827, in compagnia di diversi artisti ammirati e della sua sempre fedele Caterina.

Sfortunatamente per Blake, come molti artisti, poeti e visionari, il suo straordinario contributo alle arti non fu riconosciuto fino a quel momento dopo la sua morte.

Lascia Il Tuo Commento