Questo giorno nella storia: 10 aprile - Il grande Mediatore

Questo giorno nella storia: 10 aprile - Il grande Mediatore

Questo giorno nella storia: 10 aprile 1866

"La misericordia per gli animali significa misericordia per l'umanità" - Henry Bergh

Il 10 aprile 1866, un uomo divenne un eroe per milioni di persone che non potevano difendersi da sole. Innumerevoli animali furono salvati da abusi, torture e morte quando il filantropo newyorkese Henry Bergh prese la loro causa e fondò la Società Americana per la Prevenzione della Crudeltà verso gli Animali (ASPCA).

Henry Bergh è nato per una vita di ricchezza, privilegi e influenza. Nel 1863, il presidente Lincoln lo nominò diplomatico alla corte dello zar Alessandro II in Russia. Fu inorridito quando vide i contadini che battevano i cavalli troppo stanchi per alzarsi e continuare a tirare i carri. Durante la tournée in Spagna, il suo stomaco si rivolse alla violenta e sanguinosa natura della corrida.

Ispirato al successo di The Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals in Inghilterra, Bergh si dimise dal suo incarico in Russia e dichiarò la sua missione di lavorare per conto di questi "servitori muti dell'umanità". Quando presentò la sua discussione alla Clinton Hall, egli ragionò che la lotta contro la crudeltà verso gli animali era una questione bipartisan che toccava tutti.

"Si tratta di una questione puramente di coscienza; non ha problemi di perplessità ", ha detto al pubblico riunito. "È una questione morale in tutti i suoi aspetti".

La sua appassionata richiesta è stata sufficiente a spingere molti dignitari a firmare la "Dichiarazione dei diritti degli animali". La persuasione di Bergh aveva certamente qualcosa a che fare con la legge anti-crudeltà che passava la settimana successiva il 10 aprile 1866. Naturalmente, Bergh era il primo presidente dell'ASPCA.

L'ASPCA ha concentrato i suoi sforzi attorno al benessere di cavalli e bestiame, quindi di cani e gatti. Bergh ha anche fatto una campagna instancabile per abolire il cane e il combattimento di galli. (Per inciso, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, i polli sono stati addomesticati per i combattimenti di galli, non per il cibo.)

Non sorprende che Bergh fosse un forte sostenitore del movimento anti-vivisezione. I newyorkesi si abituarono a vedere Bergh pattugliare le strade. Ha ispezionato macelli e tenuto conferenze nelle scuole. Non aveva paura di inserirsi verbalmente o fisicamente in una situazione in cui un animale veniva maltrattato.

Louisa May Alcott e Ralph Waldo Emerson (che avrebbe composto e letto il suo elogio funebre nel 1888) erano forti sostenitori di Bergh e della sua causa.

Bergh ha contestato il maestro showman P.T. Barnum e la sua pratica di nutrire i roditori vivi con i rettili. (Bergh era chiamato "Il Grande Mediatore" da alcuni, Barnum potrebbe essere stato una di quelle persone in occasione.) Tuttavia, non ci devono essere stati rancori - Barnum era un portatore di barili ai funerali di Bergh.

L'ASPCA è diventato il prototipo di altre 25 organizzazioni simili in Nord America. Quando Henry Bergh morì nel 1888, 37 degli allora 38 stati dell'Unione avevano emanato leggi contro la crudeltà contro gli animali. Il cittadino ha scritto dopo la sua morte:

"... una presa così ferma ha assunto il senso pubblico del diritto che è impossibile che la sua opera non venga continuata. Ha fatto troppi convertiti per rendere tutto probabile che il suo commonwealth possa mai ricadere in una condizione per testimoniare la crudeltà verso gli animali senza risentimento. "

Lascia Il Tuo Commento