La verità sull'origine della patatina

La verità sull'origine della patatina

La storia prevalente dell'origine della patata inizia a Saratoga Springs, New York, una comunità storicamente benestante e di villeggiatura. Era il 1853, otto anni prima dell'inizio della guerra civile. Conosciuto per le sue sorgenti minerali e le loro presunte proprietà di ringiovanimento, Saratoga Springs aveva appena iniziato a diventare una destinazione turistica con l'aiuto della ferrovia che attraversava la città. Ricorsi, locande, ristoranti e centri termali avevano cominciato a spuntare lungo le rive del lago Saratoga. La Moon's Lake House, di proprietà di Cary Moon, era uno dei migliori di quei ristoranti. I turisti e i ricchi proprietari di case estive hanno visitato spesso il ristorante. Al ristorante, due persone hanno condiviso le responsabilità culinarie, Catherine "Aunt Kate" Weeks e suo fratello (o cognato, a seconda di chi sta raccontando la storia), George Crum.

George era nato George Speck, sua madre era nativa americana e suo padre era un libero afroamericano che si guadagnava da vivere come un fantino. Quando George era un giovane uomo, ha adottato il nome di cavallo da corsa di suo padre - Crum. Dopo una precedente carriera da trapper e guida di caccia, si diresse verso Saratoga Springs, dove iniziò a cucinare e, a detta di tutti, sembrava essersene andato bene. Così buono, infatti, è stato assunto da Cary Moon per lavorare nel suo ristorante.

Fino a questo punto, sulla base delle prove a disposizione, possiamo essere abbastanza certi che tutto questo è vero. Ma qui è dove, forse, si insinuano elementi di leggenda. La storia racconta che si trattava dell'ora di cena durante la seconda stagione estiva di Moon sul lago. Arrivò un cliente e ordinò a Moon's Fried Potatoes, la nota specialità della casa. Crum preparò un lotto e lo servì al cliente, il quale si lamentò che le patate erano tagliate troppo spesse. Quindi, ha inviato l'oggetto indietro per essere rifatto. Crum fece del suo meglio per renderli più magri, eppure quando il mecenate perspicace ottenne il suo secondo ordine, di nuovo si lamentò che lo spessore delle patate non era di suo gradimento. Quindi, ancora una volta, il cliente ha detto a Crum di provare di nuovo.

Crum, nessuno contento del fatto che qualcuno insultasse la sua cucina, tagliava le patate sottilissime, le buttava in una tinozza d'olio, faceva cuocere così a lungo che diventavano duri e croccanti, e poi li saliva pesantemente, pensando che questi "fritti" patate "sarebbe ora immangiabile. Quando ha servito l'oggetto, il cliente ha preso un morso ... e poi un altro ... e poi un altro, prima di proclamare che le fette di patate fritte erano deliziose. Divenne noto come il "Saratoga Chip". Nacque la patatina.

Come si può immaginare, ci sono diverse versioni di questa storia e tutte sono contestate. Prima di tutto, supponendo che la storia sia vera, c'è la domanda su chi fosse effettivamente questo cliente. Il conto meno interessante era che si trattava semplicemente di un contadino regolare (anche se lamentoso), affamato di una lunga giornata trascorsa nei campi. Il racconto più famoso è che il cliente stava spedendo e il magnate della ferrovia, Cornelius Vanderbilt.

Questa parte della storia è stata, per lo meno, appropriata dalla Snack Food Association alla fine degli anni '70. La Snack Food Association, in collaborazione con Mary Lou Whitney, moglie del pronipote di Cornelius Vanderbilt, pubblicò un resoconto (essenzialmente come un annuncio pubblicitario) che lascia per lo più Crum fuori dalla storia originaria, accreditando in parte Vanderbilt con l'invenzione. Dice l'annuncio,

"Lo chef, a dispetto di Vanderbilt, ha affettato le sue patate molto sottili, le ha fritte in una croccante e le ha salate pesantemente. Vanderbilt li amava e la patatina era nata. "

Fu questa campagna pubblicitaria che stabilì con fermezza nel folklore popolare come fu inventata la patatina e chi la inventò. Più tardi, lo storico di Saratoga Springs, Violet Dunn, dichiarò che non vi era alcuna prova che Vanderbilt fosse il cliente, scrivendo in una lettera alla Snack Food Association,

"Sono irritato da Mary Lou Whitney quando afferma che il Commodoro Vanderbilt era l'uomo che si rifiutava di accettare le patate fritte. Non c'è documentazione a sostegno di questo. Potrebbe essere stato il tuo bisnonno o il mio. "

Potresti non essere affatto sorpreso di apprendere che anche George Crum stesso non avrebbe avuto nulla a che fare con la patatina fritta, almeno in termini di origine. Come un articolo in Folklore occidentale il diario scritto da William Fox e Mae Banner nel 1983 sottolinea che ci vollero 70 anni da quando il chip fu inventato per Crum per essere accreditato con l'invenzione. In effetti, quando morì nel 1913, il necrologio del giornale locale di Crum non conteneva una sola menzione di "patatine". Fu menzionato per la prima volta in relazione alla patatina di patate negli anni '20, quando uno storico locale scrisse: "Si dice che Crum sia stato l'inventore effettivo dei" Chips Saratoga "quando era impiegato al vecchio posto di Moon".

Un'altra versione del racconto coinvolge Settimane di Crum e sua sorella (o suocera) "Aunt Kate". In un articolo del 1940 di il Saratogian Scritto dallo storico della città all'epoca, Jean McGregor, afferma che Weeks è stato effettivamente l'unico a creare accidentalmente la patatina fritta. In questa storia, Weeks produceva pasticcini, friggendoli in una vasca di grasso. Stava sbucciando anche le patate nel tentativo di multitasking.Bene, una fetta di patata cadde nel grasso e quando lei lo pescò, Crum vide la patata unta sul bancone e prese un morso. Era così bello che Crum disse che avevano bisogno di venderli, cosa che fecero per dieci centesimi al sacco.

Quindi qual è la verità in tutto questo? È sempre possibile che Crum abbia potuto servire patatine a un certo punto, a Moon's Lake House o più tardi nel suo ristorante che ha aperto nel 1860. (È stato un oggetto popolare nella zona più tardi nella sua vita, è stato affermato che serviva comunemente cestini di fiches sui tavoli come antipasto per gli ospiti.) E forse ha anche inventato la sua versione di esso, anche se forse ignorava qualsiasi altro. Ma sembra improbabile che, se l'avesse inventato, si penserebbe che avrebbe sostenuto questo fatto ad un certo punto per aiutare a promuovere il suo ristorante, data l'eventuale popolarità di "Saratoga Chips". Inoltre, il New York Tribune nel 1891 fece scrisse sul ristorante di Crum, Crum's House, e non fece menzione di nulla che assomigliasse alle patatine fritte che vengono servite lì, il che mette in dubbio anche le affermazioni secondo le quali egli serviva le patatine come antipasto per tutti gli ospiti. Forse la cosa più schiacciante è che Crum ha commissionato una biografia della sua vita da scrivere nel 1893 - in esso non c'è una menzione di lui che ha inventato le patatine.

In ogni caso, nessuno di Saratoga Springs può affermare di essere stato il primo a produrre patatine, anche se gli chef della città hanno contribuito a renderlo popolare. ("Saratoga Chips" era persino un nome relativamente comune per le patatine fritte fino a circa la metà del 20 ° secolo). Ma sembra che il chip di patate sia stato inventato prima nel 19 ° secolo in Europa, e forse prima. Dopo tutto, le patate erano un alimento molto comune (spesso fritto) in tutto il Regno Unito, Francia e Belgio in particolare. È difficile credere che non siano mai stati tagliati sottilmente, salati e fritti prima del 1853.

E, in effetti, il famoso libro di cucina inglese del 1822 di William Kitchiner L'oracolo di Cook ha una ricetta per "Patate fritte in fette o trucioli". La ricetta è molto vicina all'originale Saratoga Chip, con lo chef tagliare le patate in "trucioli rotondi e rotondi ... asciugarli bene in un panno pulito e friggerli nello strutto" o gocciolante ... mandateli con un po 'di sale cosparso su di loro. "Questo libro di cucina era un best seller sia nel Regno Unito che in America e fu pubblicato sei anni prima che George Crum fosse nato.

Oltre a ciò, ci sono molti altri libri di cucina che hanno caratterizzato essenzialmente la stessa cosa prima che Crum li abbia inventati, ad esempio, La Virginia House-Wife di Mary Randolph (1824) e Alexis Soyer's Shilling Cookery for the People (1845), tra molti altri.

Nonostante tutte le varie versioni e la mancanza di prove documentate, il "Saratoga Chip" è ancora oggi parte dell'identità della città. Non importa se la patatina è stata inventata originariamente a Saratoga Springs o no, questo scrittore, per esperienza, può garantire la sua bontà: è davvero una bella patatina fritta.

Fatti del bonus:

  • Crum non era l'unico uomo famoso per aver inventato qualcosa a cui apparentemente non aveva nulla a che fare. Il generale Abner Doubleday, che è spesso affermato di essere stato l'inventore del baseball, anche dal commissario di Baseball, Bud Selig, sembra non aver avuto nulla a che fare con la "sua" invenzione. Infatti, in tutta la vita estremamente ben documentata di Abner Doubleday, la sola menzione di lui in relazione allo sport era questa nel suo necrologio: era un uomo "a cui non importava gli sport all'aria aperta". Per ulteriori informazioni su questo, vedi: Chi Baseball davvero inventato
  • Le patatine fritte hanno visto un'enorme popolarità oltre a essere servite nei ristoranti grazie all'ex infermiera e avvocato Laura Scudder. (Scudder è stato anche il primo avvocato femminile noto a Ukiah, in California.) Scudder si è poi trasferito a Monterey Park, in California, e ha iniziato un'attività nel 1926 vendendo vari prodotti alimentari, comprese patatine. Come ci si potrebbe aspettare dalla data, e dal fatto che era una donna in un'epoca in cui le donne non erano generalmente accolte come imprenditori, all'inizio la sua attività ha avuto qualche difficoltà a causa della Grande Depressione e molte aziende si sono rifiutate di lavorare con lei; persino ottenere l'assicurazione per il camion delle sue imprese era un problema finché non è riuscita a trovare un agente assicurativo femminile. A questo punto, la durata di conservazione dei chip era generalmente scarsa, a causa della mancanza di un imballaggio efficace. Solitamente venivano venduti sfusi in barili o barattoli di cracker, nessuno dei quali era l'ideale. Oltre alla scarsa durata di conservazione, anche i trucioli sul fondo tendevano a schiacciarsi. Scudder ebbe la brillante idea di far rivestire i suoi dipendenti di carta cerata in sacchi che potevano poi mettere dentro le patatine e chiuderli. Questo metodo ha funzionato incredibilmente bene e ha contribuito a rendere l'ex articolo popolare del ristorante qualcosa che i consumatori potevano acquistare e archiviare efficacemente a casa. Inutile dire che presto ebbe un'intera flotta di camion che aveva bisogno di assicurazioni, e naturalmente rimase con l'unica compagnia di assicurazioni nella sua zona che desiderava lavorare con un imprenditore al momento. In seguito avrebbe venduto la sua attività per $ 5 milioni o circa $ 43 milioni oggi (anche se ha rifiutato un'offerta di $ 9 milioni perché gli acquirenti non avrebbero garantito i lavori dei suoi dipendenti). Al suo apice, la sua attività andrebbe a incassare oltre $ 100 milioni di vendite all'anno.
  • Un'altra innovazione di Scudder's era quella di mettere la data in cui l'articolo era confezionato sui sacchetti di patatine fritte, in modo che i consumatori potessero assicurarsi di avere delle borse fresche.
  • Oggi, i chip sono normalmente conservati in sacchetti di plastica riempiti con azoto, che contemporaneamente aiuta a evitare che i trucioli vengano schiacciati durante la spedizione e li mantiene più freschi ancora più a lungo.

Lascia Il Tuo Commento