Il massacro di Lawrence del 1863

Il massacro di Lawrence del 1863

Il Kansas era stato travolto nel dibattito sull'opportunità o meno di consentire la schiavitù per qualche tempo. Quando alla fine fu deciso che il Kansas sarebbe stato libero, il Sud era dolorante. Ci furono molti scontri al confine tra stati del nord e del sud durante la guerra civile, e Lawrence era quasi sempre pronto a difendere la sua città. Tuttavia, man mano che i mesi passavano e gli allarmi suonavano senza alcun segno di truppe confederate, i cittadini di Lawrence cominciarono a sentirsi al sicuro e al sicuro nelle loro case.

Poco prima di agosto del 1863, i funzionari della città vennero informati che una crescente banda di ribelli stava allestendo un campo proprio fuori da Lawrence. Nonostante il sindaco abbia mandato rinforzi e artiglieria "nel caso," l'aiuto non è arrivato abbastanza in fretta, e il popolo di Lawrence ha creduto di essere al sicuro senza di esso. Non pensavano che i ribelli sarebbero stati in grado di sfondare la linea militare ai confini del Kansas, e anche se lo facessero, non sarebbero stati in grado di arrivare a Lawrence senza che qualcuno sollevasse l'allarme.

La mattina presto del 21 agosto 1863, William Clarke Quantrill e una banda di oltre 400 soldati confederati cavalcarono nella piccola e assonnata città di Lawrence, nel Kansas. Sebbene il gruppo avesse marciato nel pomeriggio e nella notte, nessuno era corso a Lawrence per informarli dell'attacco imminente. Quasi nessuno si mosse all'inizio, quando i ribelli iniziarono a devastare la città: incendiarono edifici, irruppero nelle case e nei negozi e li saccheggiarono e, quando la gente cominciò a svegliarsi, spararono a civili innocenti che non erano stati avvertiti di l'attacco.

Uno dei primi uomini uccisi era il reverendo Snyder. Il sindaco George Collamore è inizialmente sfuggito alla carneficina nascondendosi nel suo pozzo, dove è morto per inalazione di fumo. Quando i ribelli se ne andarono, uno degli uomini superstiti, che era un amico del sindaco, scese nel pozzo per trovarlo. La corda che lo sosteneva si ruppe e morì anche lui. Oltre a queste persone, i ribelli hanno pesantemente bersagliato gli uomini neri liberi.

I predoni sono partiti al calar della notte, lasciando dietro di sé una scia di distruzione. Complessivamente, oltre 150 uomini di Lawrence sono stati uccisi, lasciando almeno 80 donne vedove e 250 bambini senza padre. Si stima che il costo della distruzione sia stato tra $ 1 milione e $ 1,5 milioni di dollari o circa $ 23 milioni oggi.

Il massacro di Lawrence è stato oggetto di dibattito fin da quando, in particolare, si può giustamente definire un massacro o semplicemente un'altra battaglia nella sanguinosa guerra civile. In ogni caso, la domanda rimane: perché Lawrence? E perché il 21 agosto 1863? C'erano state molte altre opportunità per razziare la città, e la gente di Lawrence non aveva mai visto azioni prima.

Alcuni storici hanno pensato che fosse un atto di vendetta dopo che una prigione femminile a Kansas City è crollata, uccidendo quattro detenuti, poco più di una settimana prima del massacro. Tra i morti c'erano i parenti degli uomini che hanno partecipato al massacro dei residenti di Lawrence: una sorella di William T. Andersen e un cugino di Cole Younger.

Queste donne erano state messe via come parte di uno sforzo dell'Unione per radunare donne sospettate di aiutare le truppe confederate. Molti di loro sono stati arrestati per ragioni arbitrarie come quella di avere dei tele di stoffa che avrebbero potuto essere usate per confezionare uniformi confederate, mentre altre sono state prese per servire da ostaggi. Dopo che l'edificio crollò, si diffuse la voce che il crollo fosse stato intenzionale, spronato da guardie ubriache che proclamarono apertamente di aver tirato fuori le travi di sostegno dell'edificio per far crollare la struttura.

Inutile dire che queste voci non erano favorevoli ai parenti delle donne uccise, né agli uomini confederati che vedevano come loro dovere proteggere le donne del sud.

Inoltre, lo stesso William Quantrill aveva legami con Lawrence - aveva vissuto lì sotto uno pseudonimo solo pochi anni prima dell'attacco. È possibile che questa connessione abbia contribuito a lui scegliendo questa città specifica, poiché la conoscenza della città gli ha dato il sopravvento. Ad esempio, molti dei suoi uomini andarono immediatamente a casa del sindaco Collamore per impedire che qualcuno dei cittadini si radunasse lì.

Nonostante gli aggressori che affermano che la vendetta era il vero motivo dietro l'attacco di Lawrence, molti non ritenevano che fossero giustificati nel farlo. La vera causa del crollo della prigione è ancora sconosciuta. Sebbene le guardie avessero ammesso di tirare le travi di sostegno, all'epoca erano ubriache e non erano state prese sul serio dalla maggior parte della gente. Altre teorie sono che una raffica di vento soffiò sopra, i maiali selvatici che facevano il tifo rendevano instabile la fondazione, e anche che le donne dentro stavano scavando nei pavimenti per scappare.

In ogni caso, i predoni confederati hanno lasciato un guaio nella loro scia, e non hanno mai scontato il tempo per i loro crimini. Tuttavia, ci sono state alcune misure adottate dal Kansas per impedire un altro simile massacro: i residenti delle contee sul confine hanno dovuto trasferirsi a Kansas City per un po '. Thomas Ewing, che emanò quello che era noto come Ordine n. 11 il 25 agosto 1863, credeva che questo avrebbe spazzato via i guerriglieri e tagliato le loro linee di rifornimento - e, soprattutto, avrebbe portato gli innocenti civili in prima linea.

Lascia Il Tuo Commento