I tacchi alti erano popolari tra gli uomini prima delle donne

I tacchi alti erano popolari tra gli uomini prima delle donne

Oggi ho scoperto che gli uomini indossavano scarpe col tacco alto molto prima delle donne.

Si ritiene che i primi portatori di tacchi alti siano stati guerrieri a cavallo persiani nel corso del IX secolo. Il tacco esteso è stato riferito sviluppato specificamente per la guida, per impedire al piede del cavaliere di scivolare fuori dalle staffe. Ha anche contribuito a tenere fermo il pilota quando si è alzato in piedi nelle staffe e frecce di tiro.

Un gruppo di diplomatici persiani visitò l'Europa nel 1599 per reclutare alleati per aiutare la Persia a sconfiggere l'Impero ottomano. Ne è nata una mania per la cultura persiana e le scarpe col tacco alto in stile persiano sono state adottate con entusiasmo dagli aristocratici dell'Europa occidentale.

Le scarpe divennero uno status symbol e i tacchi furono allungati per rendere gli uomini ancora più alti. (Questo è pensato da molti etimologi come il termine "ben colto", che in origine significa "benestante").)

Proprio come negli anni Ottanta, la famosa collezionista di scarpe Imelda Marcos, nel 1600 aveva un collezionista di scarpe e un setter alla moda di Luigi XIV di Francia. Mentre era un leader potente, la sua altezza lasciava a desiderare a cinque piedi e quattro pollici di altezza (1,62 m), che era leggermente inferiore alla media della sua giornata. (L'altezza media degli uomini in Francia all'epoca, nelle moderne unità internazionali, era di 5 piedi o 5 pollici o di 1,65 m. Nota: contrariamente alla credenza popolare, Napoleone non era basso: era alto due pollici rispetto alla media dei suoi tempi. .)

Un re leggermente più basso della media non era l'ideale per il suo ego, quindi Louis prese le misure per farsi sembrare più alto, sfoggiando tacchi da quattro pollici, spesso decorati con elaborate scene di battaglia. Alla fine, passò ad avere i tacchi rossi su tutte le sue scarpe e decretò che solo i vertici della società potevano avere i tacchi rossi corrispondenti. Divenne una semplice questione di guardare il colore dei tacchi di un uomo per vedere se si trovava nella cerchia ristretta del re.

Per non essere da meno, le donne del 1600 hanno iniziato a indossare i tacchi per mostrare la loro uguaglianza. Elizabeth Semmelhack, curatrice del Bata Shoe Museum di Toronto e autrice di Heights of Fashion, una storia della scarpa sollevata, dice che la rabbia di quel periodo in alcune parti dell'Europa era che le donne si vestissero e si comportassero come un uomo. (Va notato, tuttavia, che all'epoca gli abiti maschili per gli standard odierni erano estremamente effeminati, a-la foto di King Louis XIV sopra.)

Avevi donne che si tagliavano i capelli, aggiungendo spalline ai loro vestiti. Fumavano tubi, indossavano cappelli molto maschili. Ed è per questo che le donne hanno adottato il tacco: è stato nel tentativo di mascolinizzare i loro abiti.

Come di solito accade, l'alta moda si adatta a versioni più economiche e filtri meno fortunati. Le classi inferiori iniziarono a indossare i tacchi alti. L'élite reagiva rendendo i talloni sempre più alti per mantenere la distinzione di essere di classe superiore: più alto era il tallone, più era costoso il costo della scarpa. Cominciarono anche a differenziare i tacchi in due tipi: i tacchi grassi per gli uomini e quelli magri per le donne.

Alla fine, gli uomini si allontanarono dal tallone quasi completamente per mostrare la loro distinzione dalle donne. Dal tardo 18 ° secolo, le scarpe da uomo hanno principalmente tacchi bassi, ad eccezione degli stivali da cowboy e delle scarpe indossate dalle rockstar, che occasionalmente hanno la propensione a indossare abiti effeminati simili a prima della "Grande rinuncia maschile", quando gli uomini passavano dall'indossare gioielli e abiti elaborati con stoffa altamente decorata in abiti semplici e scuri, di colore più scuro. Fondamentalmente, quando gli uomini occidentali nel complesso hanno smesso di cercare di abbellirsi, a partire dalla fine del XVIII secolo.

Per un certo periodo, anche le donne scivolarono via dal tallone perché non era davvero pratico, in particolare su vecchie strade in stile fangoso o ciottoloso dove i tacchi erano quasi impossibili da percorrere. Non erano andati via a lungo, però. Il tacco tornò di moda nella metà del XIX secolo con l'avvento della fotografia. Perché? Come sembra accadere spesso quando vengono introdotte nuove tecnologie, i pornografi sono sempre tra i primi a trarre vantaggio e sono stati tra i primi ad abbracciare la fotografia. Ciò riguarda i tacchi alti in quanto spesso vestivano modelli per cartoline e cartoline osé e altre fotografie in nient'altro che una versione "moderna" (per quel tempo) del tacco alto.

Da allora, i tacchi alti sono entrati e usciti di moda ripetutamente, tranne che nel commercio del porno, dove sono apparentemente una costante. I tacchi bassi erano preferiti durante la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70. Negli anni '80 e '90, i tacchi alti sono tornati alla ribalta. Vari stili di tacchi hanno preso il loro turno anche sulle passerelle, come il tacco largo degli anni '70, il mulo e il famoso stiletto popolare negli anni '50, '80 e oggi.

Fatti del bonus:

  • Il re Luigi XIV potrebbe aver vestito favolosamente ma un ambasciatore russo una volta dichiarò: "Sua Maestà [Luigi XIV] puzzava come un animale selvatico". Come tanti del suo tempo in quella parte dell'Europa, Louis non si bagnava quasi mai. Nel caso di Louis, i suoi medici gli consigliarono di astenersi dal bagnarsi per mantenersi in salute. Louis stesso ha anche detto di aver trovato l'atto di fare il bagno disturbando. Si dice che, nella sua vita adulta, si presumibilmente si lavasse solo due volte. Altro qui: Perché il bagno non era comune nell'Europa medievale
  • Anche la regina Isabella I di Spagna una volta sostenne di aver fatto il bagno due volte in tutta la sua vita, quando era nata e quando era sposata.
  • Le scarpe che aumentano sia il tallone che le dita dei piedi non sono considerate come i tacchi alti, ma le scarpe con la zeppa.
  • Uno studio del 2008 suggerisce che indossare tacchi alti può migliorare il tono muscolare del pavimento pelvico di una donna, con un potenziale effetto positivo sull'incontinenza urinaria da sforzo femminile.
  • Altri studi dimostrano che l'uso a lungo termine dei tacchi alti può causare sciatica, unghie incarnite, artrite alle ginocchia, dolore lombare e fascite plantare, quindi ... hmmm ...

Lascia Il Tuo Commento