Harry Houdini pilotò il primo aereo che volò sull'Australia

Harry Houdini pilotò il primo aereo che volò sull'Australia

Oggi ho scoperto che Harry Houdini ha pilotato il primo volo aereo controllato sopra l'Australia.

Houdini inizialmente fu affascinato dall'aviazione nel 1909, acquistando un biplano francese Voisin per $ 5000 e successivamente assumendo un meccanico a tempo pieno per mantenerlo. Nel suo primo tentativo di volo, si è schiantato sull'aereo, ma con l'aiuto del suo meccanico, ha riparato e fatto un volo di successo il 26 novembre ad Amburgo, in Germania.

Un anno dopo, nel 1910, Houdini accettò di recarsi in Australia, qualcosa che aveva giurato in precedenza di non fare mai a causa della lunga traversata in barca (era incline al mal di mare) e della distanza che lo avrebbe allontanato dalla sua famiglia. Per il viaggio, portò con sé il suo biplano e fece il primo volo a motore controllato in Australia il 18 marzo 1910, a nord di Melbourne a Diggers Rest, Victoria. Il volo è durato solo un minuto, a causa del tempo poco sicuro al momento. Più tardi nel corso della giornata, fece altri due voli, il primo quasi schiantato, a causa di un vento laterale, e nel secondo riuscì a volare per tre minuti. Pochi giorni dopo, ha gestito un volo che è durato sette minuti e 37 secondi, il che è stata una lunghezza abbastanza impressionante al momento.

Poco prima che Houdini stabilisse il record, un pilota rivale, Ralph C. Banks, si presentò e tentò di essere il primo a fare un volo controllato e alimentato sull'Australia, ma finì per schiantarsi sul suo aereo a causa delle cattive condizioni meteorologiche, motivo per cui Houdini non avevo ancora provato a volare. Fino a questo punto, Houdini aveva lasciato il suo aereo solo per fare le sue esibizioni a Melbourne e per il resto dormiva sotto il suo aereo, in attesa di una finestra per far volare l'aereo quando il tempo era giusto.

Fatti del bonus:

  • Harry Houdini morì a Detroit, nel Michigan, a Halloween nel 1926. Contrariamente alla credenza popolare, non morì in una rappresentazione, ma piuttosto morì di un'appendice rotta. Houdini aveva sofferto di appendicite per diversi giorni, quando J. Gordon Whitehead decise di mettere alla prova le affermazioni di Houdini secondo cui avrebbe potuto prendere qualsiasi colpo allo stomaco. Whitehead non ha dato a Houdini la possibilità di prepararsi e lo ha ripetutamente colpito con un pugno nell'area dello stomaco. Ciò ha ulteriormente aggravato l'appendicite di Houdini, ma ha continuato a rifiutare gli aiuti medici e ha continuato a esibirsi, anche mantenendo una temperatura di 40 ° C (104 ° F) e svenuto durante uno spettacolo, per poi essere rianimato e continuare. Morì poco dopo questo da un'appendice rotta alle 1:26 del pomeriggio. nella camera 401 del Grace Hospital di Detroit il 31 ottobre 1926.
  • Il vero nome di Harry Houdini era in realtà Erik Weisz. Quando la sua famiglia emigrò in America, cambiò l'ortografia di Ehrich Weiss, che alla fine portò la gente a chiamarlo "Ehrie" e più tardi "Harry". Scelse "Houdini" come suo nome professionale in omaggio al mago francese Jean Eugène Robert-Houdin. Ha aggiunto la "i" perché un suo amico, Jack Hayman, gli ha detto che aggiungere la "i" alla fine avrebbe significato "come Houdin" in francese, che ovviamente non è corretto, ma ha comunque portato a "Houdini" ”.
  • Nella prima parte della sua carriera, Houdini si esibiva spesso come Wild Man negli spettacoli circensi. Gli uomini selvaggi erano atti da baraccone in cui l'artista faceva cose folli, come ad esempio le teste di animali vivi. "Uomini selvaggi" erano anche il luogo da cui proveniva la parola "geek".
  • La fama di Houdini inizialmente è dovuta alla sua capacità di sfuggire a vari tipi di manette e altri dispositivi di contenimento. Durante la prima guerra mondiale, Houdini si è preso un anno intero a esibirsi e ha rinunciato volontariamente a molti dei suoi trucchi per sfuggire alle manette; insegnando questi trucchi ai soldati, nel caso venissero catturati dalle truppe nemiche.
  • Houdini una volta dichiarò che il mondo poteva dimenticare le sue esibizioni di artista di evasione, ma non avrebbero mai dimenticato di essere stato il primo a volare un aereo in Australia. Ironia della sorte, è vero il contrario. 🙂
  • Un meccanico di 19 anni del Sud Australia ha dichiarato di aver sorvolato un aereo prima di Houdini in Australia con un monoplano Bleriot XI il 17 marzo, un giorno prima di Houdini. Tuttavia, l'unico presunto testimone di questo volo, Frederick H. Jones, in seguito ammise di aver inventato tutto.
  • Houdini e sua moglie Bess concordarono sul fatto che se lo spirito di Houdini potesse tornare sulla Terra, lei avrebbe saputo che era lui perché avrebbe detto "Rosabelle credono", che era una frase di un'opera teatrale in cui Bess era presente quando i due si incontrarono per la prima volta. Per 10 anni dopo, tenne sedute regolari sul tetto del Knickerbocker Hotel ad Halloween. Alla fine ha rinunciato a dire "dieci anni sono abbastanza lunghi per aspettare un uomo qualunque". Tuttavia, questa tradizione ha continuato tra i vari fan di Houdini fino ad oggi, anche se ovviamente in luoghi diversi.
  • A volte viene suggerito che Houdini sia stato incoraggiato a fare il volo sull'Australia da un amico inglese, Lord Northcliffe, che voleva mostrare il volo agli inglesi come un modo per suggerire il potenziale militare degli aerei. Sentiva che con un pilota famoso l'aereo avrebbe fornito l'esposizione necessaria.

Lascia Il Tuo Commento