Fidel Castro ha fatto davvero quasi il passo nei principali campionati?

Fidel Castro ha fatto davvero quasi il passo nei principali campionati?

C'è una lunga storia di sovrani che si vantano dei loro talenti atletici. Gli antichi re egiziani a volte usavano l'abilità sportiva per mostrare la mascolinità e ispirare la paura. L'imperatore romano Commodo amava entrare nell'anello dei gladiatori, chiedendo spesso avversari già feriti o indeboliti, in modo che potesse sembrare superiore. (Sì, è stato l'ispirazione parziale per il film Gladiatore. Anche come nel film, sua sorella ha tentato di farlo rovesciare dopo aver lasciato un po 'il rocker.) Nel 16 ° secolo, il re Enrico VIII si unì per esibirsi in una donna; lo ha anche quasi ucciso. Anche nei tempi moderni, Kim Jong-il (vero nome Yuri Irsenovich Kim) ha insistito sul fatto che aveva 11 buche in un singolo round di golf e Vladimir Putin intimidisce con una cintura nera di judo (per non parlare dell'intera maglietta) cosa a cavallo).

Fidel Castro di Cuba non era diverso. Per anni, c'è stata una leggenda che questo governante da lungo tempo (che fino alla sua morte era ancora stato consultato su decisioni importanti) aveva una palla veloce e una curva malvagia che le squadre della Major League stavano sbavando su di lui. La ragione per cui non ha mai accettato offerte lucrative di queste squadre, almeno secondo le leggende, era perché credeva di avere cose migliori da fare - sai, come iniziare una rivoluzione. Quindi, c'era qualche verità in queste affermazioni? Castro era in realtà un Koufax cubano?

Nato nel 1926, Fidel Castro era figlio di un ricco agricoltore spagnolo di canna da zucchero che arrivò nel paese durante la Guerra d'indipendenza di Cuba. Sua madre era una lavoratrice domestica nella fattoria di suo padre. Castro è cresciuto in un periodo in cui i campionati di baseball professionisti stavano iniziando a prendere piede a Cuba. Somiglianze esistevano con i campionati americani, ma a differenza degli Stati Uniti, i campionati professionistici cubani non erano divisi per razza (almeno dopo il 1900). Giocatori neri, latini e bianchi sono scesi in campo tutti insieme. I Negro Leagues a volte reclutavano giocatori delle Leghe Cubane, come la Baseball Hall of Famers Cristóbal Torriente e Rube Foster. A sua volta, molti giocatori della Negro League - leggende come Josh Gibson, Satchel Paige e Cool Papa Bell - andavano regolarmente a Cuba per un ballo invernale. In effetti, negli anni '30 il talento delle star era talmente grande nelle leghe cubane che alcuni storici del baseball credevano che rivaleggiasse con il livello di gioco della Major League Baseball.

Per quanto riguarda Castro, in effetti era un lanciatore al liceo, ma era più di spicco in altri sport, come il basket, la corsa e il ping-pong. Infatti, ci sono prove documentate che è stato riconosciuto come uno dei migliori atleti di età scolare all'Avana durante il suo anno da junior. Per quanto riguarda il baseball, è stato abbastanza bravo da sopravvivere al pitching a livello di scuola superiore, ma non oltre.

Tuttavia, ci sono diversi racconti, ampiamente riportati come fatti, che sono stati usati come prova che Castro era in realtà un lanciatore d'élite. Il primo filone coinvolge Joe Cambria, lo scout cubano leggendario del senatore di Washington, che era apparentemente talmente colpito dalla curva di Castro che ha insistito per firmarlo sul posto. Castro avrebbe detto di no grazie, optando invece per andare alla facoltà di giurisprudenza.

Un 1989 Harper's Magazine l'articolo ha anche osservato che i New York Giants hanno visto un grande potenziale nel futuro dittatore mentre era all'Università dell'Avana. Nel loro articolo, uno scout ha ricordato che Castro era un "ragazzino che lanciava una palla di cristallo malvagio ... niente di entusiasmante per i suoi tiri" ed era "una buona prospettiva perché poteva lanciare e pensare allo stesso tempo". Dopo aver preso qualche giorno per considerare, i Giganti hanno esteso Castro un'offerta con un presunto bonus di $ 5.000 o circa $ 65.000 oggi (un bonus inaudito per un giocatore cubano del giorno); è stato riferito che Castro ha stordito i funzionari di Giants rifiutando l'accordo.

Sfortunatamente per coloro a cui piace una buona storia "E se?", Le prove documentate semplicemente non supportano nessuna di queste leggende. Ci sono prove che Castro sia stato osservato dagli osservatori della Major League Baseball, ma questo è dovuto alla persistenza di Castro. Aveva l'abitudine di presentarsi non invitato a provare per una risata. Avrebbe beccheggiato, ma gli esploratori gli prestarono poca attenzione e lui non sembrava aver seriamente considerato di lanciare professionalmente, anche se fossero stati interessati.

Anni dopo, la sopracitata scout Cambria, che le leggende in genere dicono innamorata del giovane cubano, in realtà avrebbe detto che ricordava Castro come qualcuno con una "buona curva", ma "non molto di una palla veloce" e non era considerato qualcuno il I senatori volevano firmare.

Per quanto riguarda la storia dei Giganti, ci sono un paio di importanti imprecisioni che dovrebbero mettere questa storia nella pila del mito. In primo luogo, Castro non ha mai fatto il suo ingresso al college, contrariamente a quanto affermano molte diverse leggende su Castro / baseball. (Ha giocato a basket come matricola all'Università dell'Avana). Secondo, e soprattutto, i rapporti di scouting Harper's Magazine citati sono stati inventati

L'unica parte di queste storie che ha senso è Castro che rifiuta le presunte offerte per giocare nei Majors. Sarebbe stato piuttosto probabile, se avesse avuto tali offerte. Vedete, questo era molto prima dell'età in cui la maggior parte dei giocatori guadagnava abbastanza nella carriera per metterli in vita. Mentre oggi il salario medio della Major League Baseball è di poco inferiore ai $ 5 milioni all'anno e in rapida ascesa, a metà degli anni '40 anche il giocatore più pagato nel baseball guadagnava solo $ 27.000 a stagione (circa $ 360.000 oggi). Il baseball era discutibilmente a divertimento modo di guadagnarsi da vivere, ma per il giocatore medio, non era esattamente un modo per diventare ricchi, e per molti non era nemmeno così buono da vivere. Inoltre, uno aveva solo una breve finestra di opportunità per giocare e il rischio di finire una ferita in carriera o qualche giovane arrogante che prendeva il tuo posto era sempre incombente.

Dall'altra parte, Castro proveniva da una famiglia molto ricca e aveva grandi prospettive in politica e in legge, un percorso di carriera che era, in questo momento, molto più prestigioso e probabilmente lo avrebbe guadagnato drasticamente di più nel lungo periodo, anche senza alla fine conducendo una rivoluzione. Andare con qualcosa come il baseball in questa era sarebbe stato un passo decisivo per lui.

In ogni caso, al di là dei miti su Castro che sta stupendo a lanciare e snobbare il naso alle Major Leagues, una storia piuttosto famosa e apocrifa sulle imprese di baseball di Castro che continua a fare il giro oggi, anche in molte pubblicazioni altrimenti stimabili, coinvolge un vero Major Giocatore di baseball della lega che sostiene che una volta ha affrontato Castro nella scatola del battitore. La leggenda apparve per la prima volta in un numero di giugno del 1964 di Rivista sportiva, circa un decennio e mezzo dopo che gli eventi presumibilmente si sono verificati.

Nell'articolo, un infelice infedele MLB di nome Don Hoak afferma che stava giocando in una partita della Lega Invernale Cubana quando è scoppiata una protesta e gli studenti hanno fatto irruzione nel campo. A guidare quegli studenti era Castro. Ha preso d'assalto il tumulo e ha preso la palla dal lanciatore, alla fine lanciando palle veloci per Hoak per cercare di colpire, diversi per poco ha perso la testa. Alla fine, senza che nessuno facesse nulla per questo sabotatore di baseball, Hoak urlò per la polizia e l'intruso fu tolto dal campo. Mentre Hoak chiarisce nell'articolo che non era d'accordo con la politica di Castro, ci sono certamente aspetti di lui che sono rimasti colpiti dal talento naturale di Castro.

Certo, nonostante che questa storia sia stata a lungo considerata vera, praticamente nessuno lo ha interrogato fino a relativamente poco tempo fa, ma non è mai successo. Sia che si tratti di una falsa memoria (ne abbiamo tutti una quantità scioccante, anche se non ci piace ammetterlo), dell'identità sbagliata, o intenzionalmente della storia, sappiamo definitivamente che Hoak non era corretto qui grazie allo storico del baseball Everardo Santamarina che ha fatto un tuffo nella questione. Vedete, al di là di una nave carica di altri problemi che Santamarina ha trovato con la storia, la pistola fumante arriva nel fatto che Hoak ha suonato a Cuba durante la stagione invernale 1953-1954. Cosa stava facendo Castro in questo momento? Era in carcere, essendo stato arrestato l'estate precedente; non sarebbe stato rilasciato fino al 15 maggio 1955.

Quattro anni dopo, i ribelli guidati da Castro spodestarono Fulgencio Batista. Durante il regno di Castro per consolidare il potere, ha bandito il baseball professionista dall'isola, credendo che fosse corrotto. Il baseball doveva essere solo un gioco amatoriale.

Molte persone pensano che la "quasi" carriera di baseball di Castro sia uno dei grandi successi della storia "What ifs?" - simile a "E se l'Accademia di Belle Arti di Vienna avesse accettato l'applicazione di Hitler?" Permettendogli di continuare la sua ambizione di diventare un professionista artista, invece di unirsi definitivamente all'esercito. In questo caso, "E se Castro giocasse a baseball della Major League invece di aiutare a incitare la rivoluzione e diventare un dittatore?" Anche se non lo sapremo mai, una cosa è certa - Castro non è mai stato così vicino da poter giocare nelle Major Leagues e non c'era mai alcun interesse da parte degli scout a vederlo provare.

Lascia Il Tuo Commento