Questo giorno nella storia: 24 novembre - Origini

Questo giorno nella storia: 24 novembre - Origini

Oggi nella storia: 24 novembre 1859

Quando "L'origine delle specie" di Charles Darwin fu pubblicato il 24 novembre 1859, fu venduto lo stesso giorno. Non è così impressionante come inizialmente potrebbe sembrare che solo 1.250 copie erano disponibili per l'acquisto. La cosa veramente notevole era l'argomento innovativo contenuto all'interno delle sue pagine.

Come Galileo due secoli prima, Darwin rovesciò l'ordine scientifico stabilito e scosse la chiesa cristiana. La sua teoria dell'evoluzione per selezione naturale era per molti un'entusiasmante porta di accesso al pensiero scientifico moderno e una terribile minaccia per coloro che consideravano la Bibbia un resoconto letterale e completo di come la vita sia nata come la conosciamo sulla Terra.

L'idea della biologia evolutiva non era affatto nuova, con teorie che toccano l'evoluzione risalendo almeno al VII secolo aC. Molto più recentemente, all'inizio del XIX secolo, esisteva una teoria dell'evoluzione molto popolare proposta dallo scienziato cattolico Jean-Baptiste Lamarck. Tuttavia, Darwin ha adottato un approccio leggermente diverso rispetto a Lamarck, suggerendo che specie completamente diverse potrebbero condividere un antenato comune, un cosiddetto modello di ramificazione, piuttosto che un modello a "scala" che era così popolare prima. Ha anche sostenuto le sue idee con un'incredibile quantità di ricerche, tentando di rispondere a tutte le domande che potrebbero essere poste prima di pubblicare la sua teoria, che ha iniziato a sviluppare dopo aver studiato i campioni e i dati raccolti mentre faceva da naturalista durante un cinque- anno di spedizione scientifica sull'HMS Beagle negli anni '30.

Tuttavia, la Chiesa d'Inghilterra e alcuni altri gruppi religiosi non erano entusiasti di questa nuova teoria delle origini. Tra le altre ragioni per dubitarne, il calendario di Darwin era in diretta contraddizione con certe interpretazioni della Bibbia. Secondo i loro calcoli, erano circa 6.000 anni da quando Dio creò la Terra, e per gli standard di Darwin, 6.000 anni fa era praticamente ieri.

Detto questo, contrariamente alla credenza popolare, molti membri del clero non vedevano alcun problema con "Origins of the Species", e il dibattito tra i vari rami del cristianesimo sull'idea di evoluzione spesso rispecchiava il livello del dibattito in corso negli ambienti secolari. Alcuni gruppi cristiani importanti si sono persino semplicemente astenuti dal prendere una posizione ufficiale. Ad esempio, la chiesa cattolica non ha mai vietato il lavoro, come avevano fatto con tutto quello di Galileo. Più recentemente, molti papi hanno discusso l'argomento, tra cui il Papa Pio XII che ha affermato che non c'è stato alcun conflitto tra evoluzione e cattolicesimo. Ancor più recente di questo, ha osservato Papa Francesco nel 2014:

[Dio] creò gli esseri e permise loro di svilupparsi secondo le leggi interne che diede a ciascuno, in modo che potessero svilupparsi e arrivare e la loro pienezza di essere. Ha dato autonomia agli esseri dell'universo nello stesso momento in cui li ha assicurati della sua presenza continua, dando l'essere ad ogni realtà. E così la creazione continuò per secoli e secoli, millenni e millenni, fino a diventare ciò che conosciamo oggi, proprio perché Dio non è un demiurgo o un mago, ma il creatore che dà l'essere a tutte le cose ... Il Big Bang, che oggigiorno è posto come origine del mondo, non contraddice l'atto divino del creare, ma piuttosto lo richiede. L'evoluzione della natura non contrasta con la nozione di creazione, poiché la evoluzione presuppone la creazione di esseri che si evolvono.

Nondimeno, la teoria di Darwin era decisamente controverso nella sua epoca sia tra le sette del cristianesimo che tra gli scienziati. Ma con la polemica e il dibattito è venuto un enorme progresso nella nostra comprensione di come la vita si è sviluppata sul nostro piccolo pianeta solitario. Sebbene non fosse il primo, fu il fondamentale lavoro di Darwin a vedere l'evoluzione, in senso generale, accettata da molti ambienti. E dalla metà del 20 ° secolo, grazie ai progressi della biologia, la teoria della selezione naturale di Darwin arrivò a dominare come meccanismo generale accettato per come l'evoluzione alla fine avvenne.

Lascia Il Tuo Commento