Una donna che ha perso la capacità di annusare, gustare, vedere e sentire come un bambino è stata la prima persona non udente-cieca ad essere completamente istruita

Una donna che ha perso la capacità di annusare, gustare, vedere e sentire come un bambino è stata la prima persona non udente-cieca ad essere completamente istruita

Oggi ho scoperto una donna che ha perso la capacità di annusare, gustare, vedere e ascoltare da bambina, ma è diventata la prima persona sordomuta ad essere pienamente istruita.

La donna era Laura Bridgman. Bridgman è nato nel 1829 e si pensa che abbia avuto pieno uso di tutti i suoi sensi alla nascita. Tuttavia, all'età di due anni, si ammalò di scarlattina, che durò diverse settimane prima che cominciasse a migliorare. Una volta guarita, divenne evidente che aveva perso la vista e l'udito nel processo. Successivamente è stato scoperto, dopo essere stata educata, che aveva perso o non aveva mai avuto un senso dell'olfatto e inoltre non aveva quasi nessun senso del gusto.

L'unico senso che aveva era il tocco. Sorprendentemente, anche con solo questo senso e nessun linguaggio reale, era ancora abbastanza a portata di mano in casa da bambina. Le piaceva mimare le azioni dimostrate attraverso il tatto, così sua madre le usava per insegnarle come fare certe faccende domestiche. Ha persino imparato a cucire e lavorare a maglia.

Oltre a ciò, i suoi unici veri metodi di comunicazione erano una forma molto semplice di linguaggio dei segni tattile. Ad esempio, sapeva che se qualcuno l'avesse spinta, lei sarebbe andata via. Se l'avessero tirata, lei avrebbe seguito il tiro. Quando ha fatto un'azione correttamente o cosa voleva la sua famiglia, l'avrebbero accarezzata in testa. Quando faceva qualcosa in modo scorretto, l'avrebbero accarezzata sulla schiena. Alla fine, però, Bridgman divenne troppo manciata per la sua famiglia, mentre lei lanciava violenti scoppi d'ira e obbediva solo a suo padre che doveva sopraffarla fisicamente per ottenere quell'obbedienza.

A questo punto, si pensava generalmente che alla persona sordo-cieca non fosse possibile insegnare anche le cose più rudimentali, oltre a mimare compiti, figuriamoci poter essere insegnato a comprendere il linguaggio. (Anche se ci sono documenti di poche persone sordo-cieche che apprendono la lingua dei segni tattili di base e una donna francese sordomuta che era in grado di imparare il francese, poco prima di Bridgman.) Tuttavia, in questi casi, questi individui non erano in grado di diventare pienamente educato per una serie di motivi, per ulteriori informazioni su questo, vedere il Bonus Factoid di seguito).

Fortunatamente per Bridgman, tuttavia, esisteva una scuola per non vedenti fondata lo stesso anno della sua nascita, nel 1829, e inaugurata nel 1832 (Perkins School for the Blind). Nel 1837, molti ciechi erano stati educati con successo e uno degli istruttori lì, il dott. Samuel Gridley Howe, venne a conoscenza delle condizioni di Laura Bridgman attraverso un resoconto scritto dal capo del dipartimento medico del Dartmouth College, il dottor Mussey. Una volta Howe apprese di Bridgman, voleva provare a vedere se riusciva a trovare un modo per insegnare un linguaggio per non udenti-ciechi, che si spera sarebbe il veicolo per educarla.

Laura, che ora ha 8 anni, è stata poi inviata a Perkins e ha iniziato la sua educazione. Howe e la sua assistente, Lydia Hall Drew, iniziarono inizialmente a inventare un modo per insegnare i suoi nomi di oggetti in inglese dando i suoi oggetti con i loro nomi allegati sotto forma di etichette con lettere in rilievo. Alla fine, Laura è stata in grado di abbinare le etichette agli oggetti quando le etichette sono state staccate. Tuttavia, a questo punto, non aveva ancora idea di cosa stesse facendo e stava solo imitando sulla base della memorizzazione, piuttosto che capire veramente cosa significassero le etichette. Ora che almeno associava certe parole con gli oggetti, anche se non ne capiva il significato, Howe riprese l'esercizio tagliando le etichette e insegnandole a riordinarle nelle parole che associava agli oggetti.

Fu durante questi esercizi che Bridgman afferrò finalmente che gli oggetti avevano nomi e che le etichette indicavano i nomi. Ciò è stato indicato per la prima volta dal fatto che all'improvviso ha voluto autonomamente sapere quali fossero i nomi degli oggetti intorno a lei. Poco dopo, iniziò a cogliere pienamente il concetto di alfabeto e, da lì, poterono iniziare a insegnarle a usare l'alfabeto e le parole nella comunicazione.

Una volta completato, il resto della sua educazione era relativamente semplice. Il suo cervello ora aveva un motore per guidare il pensiero cosciente, incluso il pensiero astratto essenziale. Ha continuato a frequentare le lezioni come qualsiasi altro studente di Perkins, anche se con vari insegnanti con lei in tutte le occasioni spelling le dita tutto per lei. Durante la sua educazione, ha imparato la matematica, l'astronomia, la scrittura, la geometria, la filosofia, la storia, la biologia, ecc.

Grazie a Howe, essendo in grado di raggiungere con successo Bridgman e il fatto che fosse stato in grado di farlo mentre era ancora piuttosto giovane, il che le permise di pensare in modo astratto una volta che avesse usato un linguaggio per il suo cervello, lì ora era un metodo consolidato per "raggiungere" persone sordo-cieche. Inoltre, è stato ora dimostrato che le persone sordo-cieche sono in grado di apprendere altrettanto bene di chiunque, supponendo che siano state raggiunte a un'età abbastanza giovane, contrariamente a quanto si pensava all'epoca.

Howe pubblicò anche un resoconto sull'educazione di Bridgman che attirò l'interesse di Charles Dickens che le venne incontro quando aveva dodici anni, nel 1842. Dickens scrisse poi un resoconto di Laura Bridgman nel suo lavoro, American Notes.Nel 1886, tre anni prima della morte di Bridgman all'età di 59 anni, questo racconto nel lavoro di Dickens portò i genitori di Helen Keller a imparare che una persona sordo-cieca poteva essere educata. Fu anche attraverso i metodi di Howe per insegnare a Bridgman che Keller fu istruito.

(Nota: se ti è piaciuto questo articolo, ti potrebbero piacere anche questi: Come pensano le persone sorde e Helen Keller non è nato cieco o sordo)

Fatti del bonus:

  • La bambola Anne Sullivan, la maestra di Helen Keller, diede a Keller il loro primo incontro, fu fatta da Laura Bridgman ed era stata un regalo da Bridgman a Sullivan.
  • La malattia che è costata a Bridgman l'uso della maggior parte dei suoi sensi ha anche tolto la vita alle sue due sorelle e al fratello.
  • Bridgman fu il primo in grado di scrivere il proprio nome in modo leggibile il 24 luglio 1839, circa due anni dopo l'inizio della sua educazione, all'età di 10 anni. La sua progressione in matematica era incredibilmente veloce, rispetto alla sua educazione linguistica. Ci sono voluti appena 19 giorni dalla sua prima lezione di matematica per imparare ad aggiungere colonne di cifre da zero a trenta.
  • All'età di 20 anni, l'educazione di Bridgman era completa e lei tornò a casa. Tuttavia, a causa della negligenza della sua famiglia, che non ha avuto il tempo di occuparsi adeguatamente di lei, ha sviluppato problemi di salute e si è deciso che avrebbe dovuto tornare definitivamente a Perkins. La sua ex insegnante, Howe, e una sua amica, Dorothea Dix, hanno iniziato a raccogliere fondi per sostenere Bridgman nella scuola. Mentre era lì, insegnava il cucito e aiutava la scuola con le faccende domestiche. Ha anche fatto soldi per se stessa usando la sua modesta fama per aiutare a vendere i vari pezzi di ricamo che ha fatto. Il suo uso principale del denaro tendeva ad acquistare regali per le persone che conosceva e che donava a varie organizzazioni benefiche.
  • Nel tempo libero di Bridgman, i suoi principali hobby erano la lettura e la scrittura di lettere e poesie.
  • Bridgman morì nel 1889 all'età di 59 anni nella sua "Sunny Home" a Perkins.
  • Il metodo di insegnamento di Howe è stato ispirato dall'incontro con Julia Brace, che era una persona sordomuta a cui era stato insegnato il linguaggio tattile di base dei segni
  • A differenza di Bridgman, Brace non fu mai in grado di comprendere i pensieri astratti a causa di non essere formalmente istruito fino a 34 anni, nel 1842, anche a Perkins. La sua educazione alla Perkins fu in gran parte un fallimento, nonostante le fosse stato insegnato da Howe con gli stessi metodi che aveva usato con successo con Bridgman. Brace non fece quasi progressi a causa della sua incapacità di cogliere qualsiasi concetto che fosse astratto e, solo un anno dopo, lasciò la scuola. Da bambina, poiché non aveva perso la vista e l'udito fino all'età di cinque anni, era in grado di sviluppare un linguaggio tattile con la sua famiglia grazie a una volta in grado di parlare. Nonostante non avesse capacità di pensiero astratto, Brace aveva un'incredibile memoria per informazioni tangibili e riusciva persino a funzionare come infermiera.
  • Brace è diventato sordocieco dopo aver contratto la febbre tifoide.
  • Ricerche recenti hanno dimostrato che il linguaggio è parte integrante di funzioni cerebrali come la memoria, il pensiero astratto e, affascinante, l'auto-consapevolezza. È stato dimostrato che la lingua è letteralmente "il driver del dispositivo", per così dire, che guida gran parte del "nucleo" del cervello. Pertanto, le persone sorde che non sono insegnate in una forma complessa di linguaggio in giovane età, saranno significativamente handicappati mentalmente fino a quando non impareranno un linguaggio strutturato, anche se non c'è nulla di sbagliato in realtà nel loro cervello. Il problema è ancora più grave di quanto possa sembrare a prima vista a causa dell'importanza del linguaggio per le prime fasi dello sviluppo del cervello. Quelle persone completamente sorde a cui non viene insegnata la lingua dei segni fino a tarda età hanno spesso problemi di apprendimento che rimangono con loro per tutta la vita, come problemi con il pensiero astratto, anche dopo che hanno finalmente imparato una particolare lingua dei segni. È a causa di come il linguaggio integrale è il modo in cui il nostro cervello si sviluppa e funziona che persino le persone sorde, per non parlare delle persone sordomute, erano un tempo pensate come handicappate mentali e non praticabili.
  • Il caso di Bridgman non è menzionato solo nelle note americane di Dickens, ma anche nel francese La Symphonie Pastorale, di André Gide. La Symphonie Pastorale è un romanzo scritto nel 1919 su un pastore che adotta una ragazza cieca. (allarme spoiler) Alla fine la ragazza cieca si innamora del pastore e diventa odiata da quasi tutti nella famiglia eccetto il pastore, a causa della quantità di tempo che il pastore dedica al bambino. Alla fine, uno dei figli del pastore si innamora della ragazza e vuole sposarla, ma il pastore si rifiuta di lasciarlo, perché anche lui è innamorato di lei. La storia termina con la ragazza cieca che riceve un intervento chirurgico che le permette di vedere. Poi realizza che il mondo non è bello come il pastore e che non è innamorato del pastore, ma di suo figlio. Cerca di uccidersi annegando, ma invece contrasta la polmonite dall'evento e muore. È un giradischi tutto a posto. 😉
  • Altri famosi sordi-ciechi includono: Sanzan Tani, che quando raggiunse l'età adulta era completamente sordo e cieco, anche se superò questo e continuò a funzionare come insegnante; Robert Smithdas, che divenne il primo sordo-cieco a ricevere un master, specializzato in orientamento professionale e riabilitazione degli handicappati e per un periodo lavorò con Helen Keller; e Heinrich Landesmann, che era un poeta e filosofo austriaco, che sviluppò una forma di firma tattile che ora porta il suo nome. Robert Smithdas è in realtà ancora vivo oggi, ritirandosi solo nel 2008 all'età di 83 anni. È interessante notare che sua moglie Michelle è anche sordo-cieco. Questo porta a chiedersi come esattamente i due fanno cose come trovarsi l'un l'altro nella propria casa; presumibilmente, qualcosa a che fare con l'uso di vibrazioni nel pavimento o simili. In ogni caso, sarebbe affascinante leggere di cose come queste riguardanti i due.
  • Come notato, Bridgman amava scrivere poesie. La sua poesia più famosa, ai suoi tempi, era "Holy Home":
La santa casa è eterna ed eterna. La casa santa è estate. Passo questa casa oscura verso una casa luminosa. La casa terrena perirà, Ma la casa santa durerà per sempre. La casa terrestre è invernale. È difficile per noi apprezzare lo splendore della santa dimora a causa della cecità delle nostre menti. Quanto è gloriosa la casa santa, e ancora più di un raggio di sole! Per il dito di Dio si apriranno i miei occhi e le mie orecchie; La corda della mia lingua sarà sciolta. Con dolci gioie in cielo, sentirò, parlerò e vedrò. Che glorioso rapimento in casa santa per me sentire gli angeli cantare e suonare su strumenti! Inoltre, posso vedere la bellezza della casa celeste. Gesù Cristo è andato a preparare un posto per coloro che lo amano e credono. La mia speranza zelante è che i peccatori possano trasformarsi dal potere delle tenebre alla luce divina. Quando morirò, Dio mi renderà felice. In cielo la musica è più dolce del miele e più fine di un diamante.

Lascia Il Tuo Commento