25 Fatti Brutali sui barbari

25 Fatti Brutali sui barbari

Oggi pensiamo ai barbari come bruti incivili, ma quando si affrontano i vari gruppi storici che sono stati chiamati barbari, non è sempre così. Nel corso della storia, molti costruttori dell'impero hanno usato l'etichetta di "barbaro" per rinforzare la mentalità di noi contro di loro tra gli addetti ai lavori e gli estranei e per giustificare gli atti di conquista e di guerra. Quindi qui ci sono 25 fatti sui barbari di tutte le forme e dimensioni diverse, e puoi decidere da solo quanto sono veramente barbari.


25. Vicino a casa

I Romani chiamavano molti gruppi diversi barbari, e non tutti provenivano da terre lontane. Il grande oratore romano Cicerone chiamò l'isola della Sardegna, appena al largo della costa dell'Italia moderna, "una terra di barbari", e parte dell'isola oggi è ancora conosciuta come Barbagia.

Collezione storica

24. Non possiamo comprenderti

La parola "barbaro" deriva dal greco βάρβαρος ( bárbaros ), e non significava esattamente la stessa cosa che fa oggi. Si riferiva a chiunque non parlasse greco, ed era in realtà una parola onomatopeica, perché le altre lingue suonavano senza senso ai greci: il bar bar era un po 'come il modo greco di dire bla bla bla.

Askens lov caduto

23. Siete tutti barbari

Innumerevoli gruppi di persone sono stati chiamati "barbari" nel corso degli anni. Alcuni degli esempi più famosi sono i Cartaginesi, i Celti, gli Egiziani, gli Etruschi, i Goti, gli Indiani, i Persiani, i Fenici, gli Unni, i Mongoli ei Vichinghi. Questo è sicuramente un sacco di outsider.

Jove mnerd

22. Qualsiasi cosa tu possa fare, noi possiamo fare meglio

Anche se "barbaro" in origine significava qualcuno che non parlava greco, ogni tanto nella storia la parola si riferiva a gruppi più specifici di persone. Negli scritti dello storico greco Erodoto, usa quasi sempre la parola "barbaro" in riferimento ai persiani, che erano spesso in guerra con gli antichi greci. Di solito usa il termine peggiorativo per creare confronti favorevoli con i greci.

4archiveAdvertisement

21. Prendiamo quello

Mentre i greci erano, di regola, diffidenti nei confronti degli estranei, certamente imparavano molto da loro. Gran parte della prima cultura, lingua e arte greca è stata presa in prestito da una civiltà precedente chiamata Minoico (dal nome della leggenda del re Minosse e del Minotauro). Hanno anche derivato il loro alfabeto dai Fenici, e in parte hanno adottato il sistema numerico degli egiziani. Forse un po 'ipocrita?

Enciclopedia di storia antica

20. Platone sapeva cosa

Platone in realtà respinse l'uso di bárbaros, e la sua creazione di una dicotomia tra greci e stranieri, perché aveva la strana idea che fosse assurdo raggrupparsi e cancellare tutti nel mondo che non erano greci.

Karingomcyan

19. Schiavi nella casa

Lo sviluppo del termine barbaro corre parallelo alla storia della schiavitù ad Atene. La maggior parte degli schiavi nella città erano non greci, e mentre la schiavitù si diffondeva oltre i ricchi per le case della popolazione libera della città, il termine prese piede.

Telegraph

18. Prendi il bene e prendi il male

Quando i Romani iniziarono a usare la parola " barbarus, " assunse il significato di persone non civilizzate. L'hanno usato in contrasto con gli ideali di " humanitas ", il che significava un comportamento educato e civilizzato. Così, il popolo civilizzato di Roma aveva il diritto di governare i barbari incivili. Tuttavia, a differenza di molte altre civiltà, se gli estranei si sono iscritti a vivere secondo lo stile di vita romano, potrebbero potenzialmente raggiungere l'ideale di " humanitas " e diventare stessi Romani.

Blackoutairsoft

17 . Le tavole sono diventate

Durante e dopo la caduta di Roma, molti cosiddetti "barbari" servirono come capi militari di Roma, mentre altri si fecero avanti come protettori delle comunità locali. I colpi finali all'impero romano arrivarono quando la città fu saccheggiata dai Vandali nel 455 d.C., e poco dopo l'Odoacre tedesco regnò come primo re d'Italia. Il regno passò di mano nel secolo successivo tra Ostrogoti, Bizantini e Longobardi, molti dei quali furono considerati ad un certo punto barbari dall'impero romano.

Wikipedia

16. Anglo-sassoni

Mentre l'impero romano si stava riducendo, i sassoni iniziarono a razziare l'Inghilterra e trasformarono i loro sforzi in una vera e propria conquista. Nel 6 ° secolo, un altro gruppo di persone conosciuto come gli Angeli sbarcò in Inghilterra e governò la terra con i Sassoni, alla fine forgiando una nuova civiltà dalle ceneri del vecchio impero romano. Questi gruppi di barbari sono i predecessori del popolo inglese, ed è dagli Angli che otteniamo le parole inglese e inglese.

Storia coseAdvertisement

15. First At It

I Galli erano forse il gruppo di barbari più noto all'impero romano. Salutarono dalle terre che sarebbero diventate la Francia moderna, la Germania e il Belgio. Quando l'Impero Romano si ruppe, queste aree formerebbero i loro regni indipendenti.

Antrophistoria

14. Celtic Pride

I popoli celtici dominavano gran parte dell'Europa preromana e erano altamente sofisticati per il loro tempo. Costruirono insediamenti che si estendevano dalle isole britanniche all'Eurasia, erano avanzati nella creazione di carri e in matematica, e persino avevano creato mappe del mondo basate sull'astronomia e la geometria. Non male per "barbari".

Slide player

13. Franken France

Nel 507 dC i Franchi, ancora un altro gruppo barbaro, avevano assunto il controllo del nord della Francia e battezzarono Parigi come loro capitale. Avrebbero continuato ad espandere il loro territorio per incorporare l'intera regione della Francia, porre fine all'espansione islamica in Europa e sviluppare il loro regno in aderenza ai valori romani dopo che Carlo Magno, Carlo Magno, fu nominato imperatore del Sacro Romano Impero nell'800 d.C.

la journey

12. Passando attraverso una fase goth

Molti barbari abitarono la penisola iberica dopo la caduta di Roma, ei Vandali ne controllarono gran parte fino a quando i Visigoti si allearono con i Romani e invasero, conquistarono e crearono il loro regno. Non sarebbero durati a lungo, tuttavia, dal momento che le divisioni interne hanno reso i deboli all'invasione, il che sarebbe stato il califfo musulmano omayyade nell'8 ° secolo d.C.

The greenman

11. Anche gli africani

Anche i berberi del Nord Africa prendono il loro nome da "barbari", poiché gli arabi hanno adottato il termine per riferirsi a tutti i non arabi del Nord Africa. Lo stesso vale per la Barbary Coast del Nord Africa e i Barbary Pirates, il nome di vari gruppi di corsari e corsari che operavano fuori dal territorio nel 16 ° secolo.

Il canale africano

10. Culture Shock

I cinesi usarono anche il concetto di barbaro (sebbene avessero una parola diversa) per riferirsi alle persone, ma in modo abbastanza interessante usarono il termine in gran parte per indicare culture diverse piuttosto che razze diverse. Gran parte della storia cinese era una lotta per il potere centralizzato sulla terra nell'Asia orientale e la creazione di confini. L'idea di "Chinese-ness", il particolare stile di vita cinese, era ciò che separava le persone. Chiunque si conformasse a quel modo di vivere era considerato cinese, e chiunque non lo fosse era un barbaro.

Haiku deckAdvertisement

9. Arrivo giapponese

Anche se pensiamo soprattutto agli europei come a usare il termine "barbaro", a volte l'etichetta è stata respinta su di loro: dopo l'arrivo dei portoghesi in Giappone nel 16 ° secolo, i giapponesi presero a chiamare i portoghesi nanban , o "Barbarians from the South."

Linkedin

8. Dirty Dogs

Gli Aztechi della Mesoamerica descrivevano i nomadi che vivevano nella loro periferia come Chichimeca , che si traducono approssimativamente in "persone cinofili", poiché li vedevano come incivili e primitivi. Sembra un concetto familiare ...

Youtube

7. La pulizia è accanto alla vichinga

I vichinghi si sono fatti la reputazione di creature imponenti e sporche che hanno navigato, violentato e saccheggiato in Europa, ma questa immagine è lontana dalla verità. In realtà, i vichinghi erano particolarmente puliti e ben curati. In effetti, erano un po 'ossessionati dalla pulizia, almeno relativi alle attitudini dei loro contemporanei. Si lavavano regolarmente, avevano un giorno sanzionato per lavarsi e persino avevano una legge contro l'intenzione di sporcare un'altra persona, visto che era considerato irrispettoso. Dopo tutto non così barbaro.

La bestia quotidiana

6. Mighty Axes

L'arma scelta da molti vichinghi era la temibile Dane Axe. Queste asce potevano essere alte come un uomo, e sono state progettate per essere portate su una parete di scudi sulle teste dei nemici. Erano così potenti da poterli dividere attraverso un elmo di ferro e la testa sotto di essa. Era così devastante che è stato definito "la mitragliatrice dell'era vichinga".

Wikipedia

5. Hunny We're Home

Forse il più potente gruppo barbarico storico era gli Unni, un impero tribale che terrorizzava sia gli Imperi Romani, l'Impero Persiano, sia praticamente tutti gli altri che incrociavano il loro percorso. Gli Unni prepararono il terreno affinché gli ultimi imperi emergessero dalla steppa eurasiatica, in particolare dai mongoli, che avrebbero controllato il più grande impero continuo della storia. Il capo più famoso e di successo degli Unni fu Attila, che è ancora una figura iconica fino ad oggi. Sfortunatamente, quasi l'unico completo contemporaneo su Attila è stato scritto dai suoi nemici, il che ha portato al concetto di lui e del suo popolo come strani, feroci e incivili.

E-sushi

4. Un divario letterale

La Grande Muraglia cinese ha segnato una distinzione fisica per il popolo cinese tra loro e i nomadi. Stabilì un confine e creò l'immagine di chi erano i cinesi insediati che indossavano vestiti, grano coltivato e rimasero in un posto - al contrario dei barbari mangiatori di carne, mobili e furbi dall'altra parte del muro.

Sydney story factoryAdvertisement

3. Protezione mongola

I feroci mongoli erano per molti aspetti ancora più civili di altri imperi. Erano aperti a religioni diverse e ospitavano quelli di fedi diverse. Sotto il loro dominio, proteggevano spesso cristiani e buddisti che erano stati precedentemente perseguitati.

Eskify

2. Crescere nomade

Una caratteristica fondamentale per le tribù nomadi era che, essendo sempre in movimento, potevano facilmente mobilitarsi per la guerra. Forse i più grandi maestri di questa mobilità erano i mongoli la cui padronanza dei cavalli era un fattore chiave nella creazione del loro vasto impero. I loro cavalli erano estremamente utili in viaggio, trasportando provviste e potevano anche essere usati come cibo quando i tempi diventavano particolarmente difficili.

Surfiran

1. Silk Road

L'impero fondato dai mongoli "barbari" pose le basi per un'esplosione di cultura, coltivando una pace senza precedenti in Eurasia e diventando responsabili della crescita della Via della seta in un enorme centro di distribuzione e media.

La recensione di merlo

Lascia Il Tuo Commento